Rinaturalizzazione del torrente Fusandola di Salerno

Rinaturalizzazione del torrente Fusandola di Salerno

Il giorno 15 settembre 2017 e’ scaduta l’autorizzazione quadriennale demaniale rilasciata dal Comune di Salerno a se stesso per mantenere la deviazione del torrente Fusandola, abusivamente spostato, per far spazio ad una mega cementificazione: piazza e crescent.

Allo stato dunque le opere realizzate, non essendo di facile rimozione, debbono essere rimosse; in altri termini demolite.

Questo il paradosso delle scelte imposte dal sindaco Vincenzo De Luca.

Stamane con Italia Nostra Salerno e con il Comitato No crescent abbiamo presentato la proposta di rinaturalizzazione del Torrente Fusandola, unica soluzione possibile per mettere davvero in sicurezza l’area di Santa Teresa e per evitare ulteriori tragedie.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *